Dominatore e Sottomessa: l’Accattivante Gioco delle Parti

Giochi erotici spinti, frustini, manette e corsetti in pelle: questo è solo una parte dell’armamentario atto a seguire le evoluzioni erotiche di dominatore e sottomessa.

Ok, forse ci sono ancora molti miti da sfatare sull’argomento, anche perché il sesso BDSM non è solo questo. 

Anzi, racchiude un parterre di pratiche e dinamiche uniche, che solo chi ha la piena accettazione del suo ruolo nella coppia sadomaso riesce a comprendere e porre in essere. 

In questo approfondimento cercheremo di fare luce proprio sulla dinamica della coppia in cui c’e’ una persona che domina e una che si sottomette, dalle tipologie di sottomissione esistenti fino ad arrivare a come capire se si è portati per l’uno o per l’altro ruolo. 

Molto più di un semplice role play

I profani, in genere, tendono a pensare che la dualità dominatore e sottomessa sia solo un gioco di ruolo, un qualcosa che si limita a due ordini e qualche colpetto di frusta. 

La realtà, invece, è molto più articolata. E soprattutto profonda. 

La comprensione e l’accettazione della propria natura, sia essa sub o dom, è già un percorso personale ed intenso, che non si compie dall’oggi al domani, ma con il confronto e l’esperienza.

Ancora, è necessario precisare che questo gioco delle parti non si limita solo al momento in cui la coppia è assieme, ma anche ad altri momenti peculiari. Ma di questo ne parleremo nel prossimo paragrafo. 

Infine, cosa assolutamente non meno importante, parliamo di dominatore e sottomessa per convezione, ma le stesse precisazioni valgono anche nel caso di dominatrice e sottomesso, dominatore e sottomesso oppure dominatrice e sottomessa.

Quanti tipi di sottomissione esistono? 

Di certo ti sei chiesto quanti tipi di sottomissione ci sono.

Qualcuno distingue semplicemente fra sottomissione fisica e psicologica, mentre altre scuole di pensiero dettagliano le varie sfumature con dovizia di particolari, parlando di “livelli di sottomissione”.

Dal nostro punto di vista, possiamo dirti che la base della comprensione fra dominatore e sottomessa è sempre di tipo duale, ovvero:

– Sottomissione fisica: comprende tutte quelle pratiche, imposizioni e torture che il dom compie nei confronti del sub consenziente, compreso l’uso di accessori e sexy toy. Naturalmente, la sottomissione fisica si attua solo durante un incontro di coppia e si chiude, sempre, con la fase dell’aftercare bdsm.

– Sottomissione psicologica: è un tipo di sottomissione decisamente più peculiare, rispetto a quella di tipo fisico. Qui, infatti, il ruolo di sub resta costante anche nell’arco della giornata, addirittura senza che il partner dom sia presente. È un gioco sottile, ma assai potente, che spinge la schiava BDSM ad essere completamente avvolta e compenetrata dalla volontà del proprio dominatore.

Come si evince, pur trattandosi di due modi diversi di sottomettere il partner, ciascuno ha delle peculiarità forti. 

Alcune coppie preferiscono solo l’uno o l’altro tipo di dominazione, mentre altre optano per entrambe le possibilità, a seconda della situazione. 

Chiaramente, non esiste alcuna regola in merito e ciascuno è libero di seguire la propria sessualità come meglio crede, in piena consapevolezza e consensualità. 

Cosa sono e quali sono i livelli di sottomissione

Avevamo accennato alla scuola di pensiero che parla di livelli di sottomissione. 

Questi non sono altro che la definizione dell’intensità di un rapporto dom-sub, trasposta in 9 differenti categorie.

Tali categorie sono state classificate da Diane Vera nel suo libro del 1984 “Lesbian S/M Safety Manual”, edito da Alyson Press. 

Non si tratta di una classificazione rigida, ma solo una necessità di etichettare comportamenti di natura erotica e sessuale: di fatto, vanno presi giusto come un indirizzo generale delle varie tendenze, nient’altro. 

Ecco, di seguito, i 9 livelli di sottomissione così come elencati dalla Vera, dal più blando al più totalizzante:

  1. Edonista kinky: è colei che ama il masochismo, ma non la sottomissione completa. Di fatto, non ama perdere completamente il controllo o farsi umiliare dal partner
  2. Pseudo sottomessa non schiava: predilige i giochi di ruolo, ma detta le sue regole
  3. Pseudo sommessa schiava solo nel gioco: lascia che il partner la tratti come una schiava, ma solo e soltanto nell’ambito di un role play. Anche qui, ha parecchia voce in capitolo sulle regole da seguire
  4. Sottomessa reale ma non schiava: questa tipologia vede la sottomessa che lascia che il sub prenda il controllo, ma solo per un breve tempo e solo per soddisfare il proprio piacere, non quello del dom. Ciò che la eccita è la momentanea perdita della propria razionalità
  5. Vera sottomessa schiava nel gioco: durante i giochi, è per davvero sottomessa al volere del dom e dedita al suo compiacimento. Terminati i ruoli, tutto torna alla normalità. Non sempre questa figura è interessata al dolore
  6. Semi schiava senza legami: a questo livello, la sub si concede in maniera totale al proprio dom, anche a livello psicologico e nel quotidiano, ma è sempre lei a dettare le regole su quando servire
  7. Schiava part time consensuale: qui la sub ha una relazione con il proprio dom e si ritiene una sua esclusiva proprietà. La dominazione si estende anche al quotidiano, ma i due non vivono assieme
  8. Schiava consensuale a tempo pieno: in questo ultimo livello, il più totalizzante, la sottomissione è piena, durevole nel tempo e si estende ad ogni aspetto della vita della sub. L’abbandono fisico e psicologico della sub è totale, ma sempre consensuale

Come si comporta un dominatore

Ogni rapporto fra dominatore e sottomessa è a sé, ma ci sono dei tratti comuni ravvisabili in tutti i dominatori.

Attenzione a non confondere personalità dominante con dominatore, che sono due cose ben diverse. 

Nel primo caso, infatti, si parla di una persona forte, che tende a saper gestire le proprie azioni ed idee facendosi largo fra gli altri, indistintamente.

Al contrario, un dominatore è chi prende sotto la sua ala protettrice una singola sottomessa e la fa diventare protagonista dei propri giochi erotici sadomaso, controllandone le sensazioni, l’aspetto ed il comportamento. 

Più in generale, un dominatore sa perfettamente cosa far fare ad una sottomessa, ovvero:

  • Controlla ogni tipo di emozione e di sensazione debba provare la sub
  • Autorizza o meno l’orgasmo, la penetrazione e la masturbazione
  • Detta il controllo sull’aspetto della sub, anche nel quotidiano
  • Decide quale ruolo debba interpretare la sub in un role play
  • Impartisce punizioni, umiliazioni e torture al sub
  • Ama farsi venerare, anche in pubblico
  • Si occupa a 360° del proprio sub, prima, durante e dopo i giochi

Naturalmente, ogni azione del dominatore è sempre consensuale e, nel caso in cui il gioco si spinga troppo oltre, il sub può pronunciare la safe word per dare lo stop.

Come capire se sei una sottomessa

Prima di chiederti se sei una sottomessa, è importante sapere bene chi sono i sottomessi. 

Molti confondono la sottomissione sessuale con soggetti che hanno un carattere debole, insicuro e/o con coloro che abbiano subito abusi.

Sappi che niente di tutto ciò è vero. 

Chiunque accetti la sottomissione erotica o sessuale è pienamente consapevole di quello che fa e, in alcuni casi che abbiamo visto in precedenza, ha addirittura una grande voce in capitolo circa i giochi sadomaso da fare, i ruoli da interpretare, ecc. 

Si tratta di persone che, semplicemente, amano vivere in sesso in maniera più intensa, allontanandosi dal sesso vanilla (convenzionale).

Ma, ora, veniamo alla nostra domanda: come capire se sei una sottomessa?

Ci sono alcuni elementi caratteriali che certamente ti possono indicare se davvero sei una sottomessa, come ad esempio:

  • Provi piacere nel dolore
  • Ti eccitano le situazioni non convenzionali ed intense
  • Ti piace che lui a letto gestisca la situazione
  • Assumi le punizioni che ti vengono imposte a letto come un modo per compiacere ed omaggiare il dom
  • Ti eccita essere controllata anche in altri frangenti non erotici
  • Per te il piacere è compiacere l’altro in tutte le forme
  • Ami i giochi di ruolo
  • La penetrazione non è un requisito necessario per avere un orgasmo

Tutti questi punti sono un sunto molto generico relativo al comportamento di una vera sottomessa. 

Più che altro, sono il confronto e l’esperienza che ti diranno con certezza se sei una sub.

Inizia con il conoscere e parlare con un Master esperto: sul nostro sito di incontri BDSM ne trovi tantissimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su